Notice: Undefined index: it in /home/bien_user/home/web/sites/default/settings.php on line 469
Notizie | BIEN-CH

Notizie

Hier erhalten Sie Informationen Ereignisse rund um das Thema Grundeinkommen (Wirtschafts- und Sozialpolitik in der Schweiz und im Ausland, öffentliche Stellungnahmen, Vorträge, Veranstaltungen usw.)

Quanto costerebbe realmente il reddito di base ?

Articolo originale di Matt Bruenig (in inglese)

« Come sempre, quando pensate ad un grande programma macroeconomico, il modo migliore di affrontarlo è quello di ignorare tanto il denaro quanto i franchi (dollari). L'effetto maggiore del reddito di base è di modificare la ripartizione dell'utile della produzione effettiva. Introdurre un reddito di base rispedisce della ricchezza prodotta (netta) verso la distribuzione dei redditi. È tutto ciò che avviene. La ripartizione dei profitti della produzione viene modificata per diventare più equa. »

« Quando uno stato introduce un sistema di reddito di base, non gestisce realmente vere risorse. Questo non è come quando lo stato costruisce una strada. La costruzione di questa strada ritira risorse dell'uso privato affinché siano concesse a questo obiettivo. In questo caso (il reddito di base), il compito dello stato è solo di spostare le risorse. Cambia appena la loro ripartizione. Non gestisce il loro impiego. »

« All'infuori della sua amministrazione così come dei suoi effetti sul lavoro, il reddito di base non costa proprio qualcosa. Con il reddito di base, parliamo di ridistribuzione del reddito, non della realizzazione di un progetto statale come per una strada, la quale richiede risorse effettive. »

Quest'articolo esporre un interessante punto di vista su come affrontare il finanziamento del reddito di base.

Nota: l'autore propone un interessante calcolatore dell'importo e del costo del reddito di base per gli Stati Uniti.

 

Articolo originale di Matt Bruenig : What Would a Basic Income Actually Cost? (in inglese). [+]

Come dividere in due il tasso di povertà (è facile)

Atlantic logo

Come dividere in due il tasso di povertà (è facile)

« Negli Stati-Uniti, ci viene detto generalemente che la povertà sia un problema molto complicato, che per essere risolto chiede decine di riforme in ambiti tanto diversi tra loro come l'istruzione pubblica, la formazione ed il matrimonio. Ma non è vero. Una parte importante della povertà puo essere risolta, a livello politico, con una comune facilità. Come ? Basta dare soldi ai poveri. »

Negozio di generi alimentari di azione sociale

Negozio di generi alimentari di azione sociale (Reuters)

« Quest'idea attira anche una gamma interessante di sostegno politico. Coloro che difendono il concetto di un reddito di base provengono infatti da tutti gli orizzonti politici, dall'ala sinistra con quelli che sono a favore della ridistribuzione come Martin Luther King, ai conservatori come F.A.Hayek, Milton Friedman e Charles Murray. »

« Questa sicurezza non dovrebbe soltanto impedire alla gente di cadere nella povertà. Il reddito di base potrebbe permettere ai lavoratori di chiedere migliori condizioni salariali e lavorative, perché sapranno che avranno sempre una base sicura. In altre parole, potrebbe equilibrare le regole del gioco per i 99 per cento dei meno avvantaggiati. »

Questo articolo uscito sull'Atlantic magazine (milioni di visitatori mensili) il 29 ottobre dimostra che l'introduzione del reddito di base negli Stati-Uniti è economicamente fattibile.

 

Titolo oroginale: How to Cut the Poverty Rate in Half (It's Easy) (in inglese). [+]

Il New-York Times favorevole al reddito di base!

Logo del New York Time

Il reddito di base prosegue a far parlare di se oltre-Atlantico. Questo 12 novembre 2013, è il New-York Times che presenta l'iniziativa svizzera per il reddito di base e si concentra fortemente sulla possibilità di applicare tale modello negli Stati-Uniti.

Afferrate il vostro reddito!
Illustrazione: Kelsey Dake 

La giornalista economica Annie Lowrey ci spiega così gli effetti positivi dell'esperienza Mincome nella città canadese di Dauphin, i cui abitanti avevano ricevuto durante alcuni anni un reddito di base :

Evelyne Forget, economista della salute all'Università del Manitoba, ha condotto una ricerca approfondita sui risultati dell'esperienza. Alcuni risultati stavano attesi, comme la scomparsa della povertà. Altri più sorpredenti, come l'aumento del tasso di diplomati o la flessione del tasso di ospedalizzazione. « con un programma sociale come questo, spiega la Forget, i valori all'interno della comunità stessa cominciano a cambiare ».

Il reddito di base è bene lungi dall'essere un argomento nuovo e utopistico. Proposto a suo tempo dal presidente Nixon, torna oggi al nocciolo del dibattito pubblico. La giornalista economica del New-York Times ci spiega questa tendenza : [+]

Successo per l'Iniziativa Cittadina Europea: 15'000€ in due giorni!

Aiutateci a fare del Reddito di base una realtà in Europa

La campagna di finanziamento partecipativo del movimento europeo per un reddito di base si è avviato il 7 novembre. In due giorni superava già l'obiettivo stabilito di 15'000€. Va avanti fino al 21 novembre.

L'iniziativa Cittadina Europea (ICE) per un reddito di base deve ancora raccoglier 875'000 firme. Per accelerare il ritmo della raccolta che finisce in gennaio 2014 e fare conoscere meglio il reddito di base, una campagna di Crowdfunding fu stato lanciata da nostri amici europei. Il successo di questa campagna dimostra l'interesse dei cittadini per il reddito di base. [+]

Iniziativa cittadina formalmente accettata

Intestazione de la lettera de la Cancelleria

Oggi, 8 Novembre 2013, La Cancelleria Federale della Svizzera ha annunciato che l'Iniziativa Cittadina per un Reddito di Base Incondizionato è stata formalmente accettata. Dopo la consegna delle firme del 4 ottobre 2013, ne ha dichiarate valide 126.408. Pertanto, la Cancelleria Federale della Svizzera conferma formalmente: il referendum nazionale sul Reddito di Base Incondizionato si farà.

Cosa succede, adesso? Il consiglio federale prenderà in considerazione il Reddito di Base, e preparerà un report sull'argomento. Questa fase durerà circa un anno. Dopodiché si terrà un dibattito in Parlamento. Il referendum nazionale, a quel punto, si terrà dopo due/tre anni.

Il quesito sarà: È giusto che ogni persona nel paese riceva, senza contropartite, una base finanziaria sufficiente a vivere?

Enno Schmidt & Daniel Straub [+]

Condividi contenuti