letto 388 volte

Bernard Kundig, membro del Comitato ed ex vicepresidente di BIEN.CH, è morto

Termine:

Bernard Kundig

Il Comitato di BIEN-Svizzera si rammarica di annunciare la morte di Bernard Kundig, membro del Comitato ed ex Vicepresidente di BIEN-Svizzera, deceduto improvvisamente il 7 settembre 2022. Dottore in sociologia con specializzazione sul lavoro e laureato in giurisprudenza, ha lavorato prima a Parigi, poi a Francoforte e infine a Ginevra e Atene.

L'idea di un reddito di base incondizionato (RBI) lo ha conquistato già all'inizio degli anni '80 e da allora ha dedicato gran parte della sua ricerca a questa idea innovativa. Nel 1998 è stato incaricato da Guy-Olivier Segond, Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento dell'Azione Sociale e della Salute del Cantone di Ginevra, di realizzare uno studio approfondito sul tema. Nel 2002 è entrato a far parte della neonata associazione BIEN-Suisse e poco dopo ne è diventato vicepresidente per quasi dieci anni consecutivi. Nel 2008 ha scritto il libro "Vers une économie vraiment libérale – Le revenu de base inconditionnel" (Verso un'economia veramente liberale - Il reddito di base incondizionato), pubblicato dalla nostra associazione.

Era molto attento al progresso tecnologico, che si traduce in aumenti di produttività, e giunse rapidamente alla conclusione che l'RBI sarebbe stata necessaria prima o poi, perché se i robot stavano sostituendo sempre più il lavoratore, non sarebbe mai stato così per il consumatore. Egli vede l'UBI sia come un possibile e necessario passo avanti nella giustizia sociale, sia come un grande cambiamento economico indispensabile per prevenire le inevitabili crisi.

Il comitato di BIEN-Suisse porge le sue sincere condoglianze alla famiglia. Ricorderà con grande emozione e gratitudine gli anni di collaborazione con Bernard, la cui assenza sarà dolorosamente avvertita, sia per la perdita della sua compagnia sempre entusiasta, sia per le sue grandi capacità e gli innumerevoli contributi a favore dell'RBI.

In allegato, una sintesi biografica scritta dal figlio Stefanos Kundig.

<<   Next story

Commenti