letto 3749 volte

Salario Minimo o Reddito di Base?

Termine:

 

A volte ci si chiede che legame vi sia tra il salario minimo ed il reddito di base. E in alcuni casi si fa perfino confusione tra le due definizioni. In questo articolo, Gabriel Barta ci dà qualche elemento di riflessione sul tema.

Editore

Le base, sia pratica che teorica, dei due schemi è totalmente diversa:

  • Mentre il salario minimo impone una regola esterna ad una relazione tra datore e prestatore di lavoro, il reddito di base assume la forma non di una regola ma di un trasferimento vero e proprio di denaro da parte della società verso una singola persona, indipendentemente da qualunque suo impiego;
  • Le risorse coinvolte in un caso sono esclusivamente quelle del datore di lavoro, nell'altro quelle dell'intera società. Queste risorse sociali comprendono indirettamente quelle di tutti i datori di lavoro, ma anche numerose altre;
  • Il salario minimo migliora solo le condizioni delle persone impiegate che guadagnano poco: lo scopo del reddito di base, invece, è concretizzare un diritto appartenente a ciascun abitante, che guadagni poco o tanto, e che sia occupato o meno.

Senza dubbio, a rendere desiderabili i due schemi è in parte la stessa problematica: migliorare la sorte delle persone povere. Tra chi ritiene che questo problema debba essere risolto in tutta fretta troviamo spesso sostenitori di entrambi i regimi, che sono d'altro canto perfettamente compatibili. Ma poiché il problema delle persone povere costituisce solo una parte della motivazioni per promuovere un reddito di base, e visto che molti dei suoi difensori trovano altri aspetti del problema più importanti o promettenti, un salario minimo non potrebbe mai rappresentare un'alternativa al reddito di base, e ancora meno pretendere di renderlo superfluo.

Valutare le interazioni possibili dei due regimi, poi, o la loro influenza reciproca, è faccenda più complessa. Se è evidente che un salario minimo non avrebbe bisogno (quando combinato ad un reddito di base) di essere altrettanto elevato che se si trattasse dell'unico reddito, non tutti convengono, persino tra i difensori del salario minimo, che un tale minimo resterebbe necessario o no una volta che il reddito di base si realizzasse. Le valutazioni divergono anche per quanto riguarda gli effetti del salario minimo, del reddito di base o di una loro combinazione sul portafoglio dei datori di lavoro, e quelli immediati sull'occupazione.

Emerge chiaramente, da queste considerazioni sulle motivazioni e gli effetti dei due regimi che i loro sostegni politici non sono assolutamente gli stessi. Il salario minimo è un progetto di sinistra, di coloro per cui vanno rinforzate quelle regole dello stato che tendono a ridurre le disuguaglianze. Il reddito di base, invece, non istituisce alcuna nuova regola dello Stato-- anzi, nella misura in cui implica una semplificazione/sostituzione dello stato sociale tende persino a ridurne il potere– ma cambia il rapporto tra la società e l'individuo. È dunque un progetto che è difeso in modo altrettanto vigoroso a destra (tra chi vuole un regime più liberale dell'attuale) che a sinistra (riduzione della povertà), e trova la sua base più solida nei diritti e nel valore della persona umana, che non sono appannaggio di una parte sola.

<<   Next story

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <u> <strong> <cite> <code> <h3> <h4> <h5> <h6> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <p> <br> <style> <img>
  • Puoi citare altri posts usando i tags [quote].
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.
randomness