Buch zur Abstimmung auf Französisch

Termine:

Die Schweizer Volksabstimmung über die Einführung eines bedingungslosen Grundeinkommens ist nicht nur für die Schweiz ein großer Schritt gewesen. Sie ist ebenfalls richtungsweisend für die weltweite Auseinandersetzung über die Zukunft der Arbeit geworden.

Das «Buch zur Abstimmung» von Daniel Häni und Philip Kovce, «Was fehlt, wenn alles da ist? Warum das bedingungsloses Grundeinkommen die richtigen Fragen stellt», erschienen bei Orell Füssli, liegt nun unter dem Titel «Liberté toujours» auch auf Französisch vor und kann rund um den Globus als Paperback und E-Book bestellt werden.

«Liberté toujours» couverture [+]

Ordentliche Generalversammlung 2017

Hauptversammlung
– ordentliche

10. Juni 2017 10 Uhr
Le Cazard • Pré du Marché 15 • Lausanne

AG image

Die ordentliche GV von BIEN-CH wird stattfinden am:

Samstag 10. juni 2017 von 10 bis 13 Uhr

Le Cazard, Octogone Raum, Pré du Marché 15, Lausanne

Eine Diskussion über das BGE wird der GV folgen.

Ein kanadisches Buffet ist dazwischen vorgesehen: bringen Sie ein Sandwich oder ein Gericht une eventuell ein Getränk zum teilen mit.

Für die Freunde des Grundeinkommens wird dies eine schöne Gelegenheit, sich zu treffen.

Tagesordnung der GV 2017 von BIEN-CH: [+]

Ordentliche Generalversammlung August 2016

Hauptversammlung
– ordentliche

27. August 2016 10 Uhr
CSP • Arlaudplatz 2 • 1003 Lausanne

AG image

Die ordentliche GV 1026 von BIEN-CH findet statt am:

Samstag 27. August 2015 von 10 bis 12 Uhr

CSP Fraternité Raum, Arlaudplatz 2, 1003 Lausanne

Ralph Kündig und Gabriel Barta wurden zum Präsidenten bzw. Vizepräsidenten wiedergewählt. Das Komitee wurde teilweise erneuert, die vollständige Liste der Komiteemitglieder befindet sich auf unserer Webseite.

Der GV folgte eine Diskussion über das BGE nach der Initiative statt.

Zwischendurch gab es ein kanadisches Buffet : Auf der Terrasse wurden Sandwiches, ausgezeichnete Salate und andere hausgemachte Gerichte mit Erfrischungsgetränken geteilt.

Für die Freunde des Grundeinkommens war dies eine schöne Gelegenheit sich zu treffen. Gut dreizig Mitglieder sind gekommen!

Tagesordnung der GV 2016 von BIEN-CH war: [+]

Una persona su quattro ha detto sì al RBI!

L’iniziativa per un Reddito di Base Incondizionato ha ottenuto un 23% di SÌ in tutta la Svizzera, il 19.49% nella Svizzera tedesca, il 28.28% in quella Romanda e il 21,9% nel Canton Ticino. È un risultato più che apprezzabile per un'idea, come il Reddito di Base, che fino a ieri era ancora completamente sconosciuta, per un'iniziativa cui praticamente nessuna forza politica ha dato sostegno e per il profondo cambiamento di paradigma che la proposta implicava.

graphic

In alcune grandi città le percentuali di SÌ sono state abbastanza impressionanti. A volte il consenso si concentrava in alcune zone molto specifiche, come nei quattro qiuartieri centrali di Ginevra (Paquis : 54.65%, Mail-Jonction : 52.88%, Cluse-Roseraie : 51.05% e Prairie-Délice : 50.77%), due quartieri di Zurigo (Kreis 4 e 5 : 54.7%) e il comune vodese di Sarzens (51.43%). [+]

Record da Guinness per il manifesto più grande del mondo

Veduta aerea del manifesto

"What would you do if your income were taken care of?" – Che cosa faresti tu, se il tuo reddito ti fosse garantito?È questa la più grande domanda del mondo che pone il reddito di base incondizionato, iscritta su di un manifesto di 110 x 72 metri. Il manifestoè stato installato sulla piazza di Plainpalais il 14 maggio a Ginevra dal gruppo svizzero per un RBI. Questa realizzazione ha segnatoil record ufficiale del Guinness Book per il manifesto più grande del mondo e l’evento è persino stato riproposto durante mezzora su schermo giagante sulla piazza di Time Square a New York! [+]

Sondaggio RBI : Il 64% degli europei voterebbe a favore, solo il 4% smetterebbe di lavorare

La maggior parte degli europei sostiene l'idea di un “reddito di base” pagato a ogni individuo per soddisfare le sue necessità, stando al primo sondaggio su scala europea dedicato all'argomento. I Governi pagherebbero la stessa somma di denaro a chiunque, che lavori o meno.

Il sondaggio, condotto in aprile dall'agenzia tedesca Dalia Research, è stato il primo su scala continentale dedicato al reddito di base, definito nel sondaggio come “un reddito pagato senza condizioni dal Governo a ogni individuo, a prescindere che lavori o meno e a prescindere da ogni altra forma di reddito .

poll graphic

Dai risultati preliminari emerge che il 58 per cento dei partecipanti era già a conoscenza del principio del reddito di base, e il 64 per cento voterebbe a suo favore in un referendum. [+]

La più grande domanda del mondo, il 14 maggio a Ginevra

Google map Plainpalais

What work would you do, if your income were taken care of?” (Che lavoro fareste, se il vostro reddito fosse garantito?). È la più grande domanda del mondo, affissa sul più grande striscione del mondo che sarà esposto in piazza Plainpalais a Ginevra, la piazza più grande della Svizzera e la base del prossimo flash-mob dei militanti RBI. [+]

Robert Reich : senza reddito di base non si andrà avanti

L’economista ed ex-ministro del lavoro Robert Reich è favorevole all'iniziativa svizzera, che considera vincente e quello che deve fare con robot.

Robert Reich
Le probabilità di ascensione sociale è dimezzato – Robert Reich (16 gennaio 2014).

Michael Soukup intervista Robert Reich

Lei è un illustre sostenitore del reddito di base, su cui la Svizzera voterà a Giugno. Perché ?

Presto o tardi, il reddito di base sarà una necessità, semplicemente perché non abbiamo alternative. Sempre di più, il progresso tecnico fa sparire i migliori posti di lavoro. L'economista inglese John Maynard Keynes disse nel 1928 che, grazie al progresso tecnico, nel 2028 nessuno sarebbe stato più costretto a lavorare per garantirsi da vivere.

Ma non lavoriamo più che mai, invece ? [+]

Un progetto pilota del RBI a Losanna!

Panorama de Lausanne

« Si è già sentita l’inevitabile obiezione “Ogni lavoro merita un salario, ma ogni salario merita un lavoro” . La proposta di un laboratorio losannese di prova sul RBI è comunque riuscita a farsi strada. L’idea: “studiare l'effetto che un reddito di base avrebbe su un campione di popolazione che già riceve denaro dallo Stato”, ha spiegato Léonore Porchet. Lo scopo era di “vedere quali sono le condizioni che sostengono, o al contrario scoraggiano, gli sforzi delle persone che beneficiano di aiuti sociali nella loro ricerca di attività remunerata », ha proseguito.

Il consiglio comunale di Losanna ha accettato la proposta del nostro amico e collega militante, il consigliere comunale Laurent Rebeaud, verde vodese. La Municipalità dovrà inserire un progetto-pilota di testare il reddito di base incondizionato (RBI). Léonore Porchet, presidente dei Verdi losannesi, ha brillantemente difeso la proposta davanti al consiglio comunale ed è riuscita a far sentire la sua voce. La sperimentazione è prevista su un campione di persone che già ricevono le prestazioni sociali. Esperienze analoghe sono d'altronde previste anche altrove nel mondo, come in Olanda o in Finlandia.

RTS TV : il dibattito Infrarouge sull'iniziativa RBI

Dibattito Infrarouge

Lisa Mazzone, consigliera nazionale Les Verts/GE ;Sergio Rossi, professore di macroeconomia UniFR; Ralph Kundig, presidente dell'associazione BIEN-CH e coordinatore romando per l'iniziativa hanno difeso l'iniziativa davanti a Ivan Slatkine, presidente della federazione delle imprese romande e anziano deputato PLR ; Raymond Clottu, consigliere nazionale UDC/NE e infine Stéphane Garelli, professore all'IMD e all'Università di Losanna. Siamo molto fiere/i dei nostri difensori del RBI che hanno fatto un lavoro eccellente nell'esporre i vantaggi del RBI e il sì all'iniziativa federale, malgrado il fuoco incrociato dei rappresentanti della destra conservatrice…

Guardate il video sul sito della RTS (FR) [+]

Condividi contenuti